Facebook

Immagine profilo su Facebook: i 10, anzi 12, tipi più comuni

11/06/2013
Faccia Anatra

Una divertente infografica di My Life esamina quali sono i principali tipi di foto che gli utenti di Facebook usano come immagine del profilo. È interessante anche vedere quale significato può avere la scelta di una tipologia al posto di un’altra.

  1. La faccia a “becco d’anatra”. Spesso adottata da ragazze in cerca di attenzione, la posa consiste nell’arricciare le labbra cercando di ottenere un effetto “guarda come sono sexy e carina”. Purtroppo l’immagine sarà il più delle volte ridicola.
  2. Scatto di coppia. Tu e la tua persona speciale, probabilmente abbracciati o intenti a darvi un bacio. Stai dichiarando ai tuoi amici e al mondo quello che provi per il tuo lui o la tua lei. È tutto molto bello, ma occhio all’effetto “melassa” e a quello “non hai più una vita”.
  3. La foto tagliata. Si tratta di una foto di gruppo in cui hai opportunamente tagliato le altre persone, che comunque si possono intravedere ai margini. Hai tagliato la foto perché credi di essere “venuto bene” e non vuoi nessuno vicino oppure perché in realtà gli altri sono più belli di te?
  4. Il ritorno al passato. Una foto di te non molto recente, anzo proprio di mooolto tempo fa. Questo significa che apprezzi il passato e i gloriosi “vecchi tempi”, ma anche che potresti essere piuttosto noioso.
  5. L’amante degli animali. Nella foto stai vicino al tuo amato amico peloso, oppure c’è solo l’animale (di solito un cucciolo). Probabilmente sei una persona premurosa e dal cuore gentile che ama il suo animale domestico, forse anche troppo.
  6. Il muscoloso. Se sei il ragazzo che flette e mostra i muscoli allo specchio, indossando una canotta o niente del tutto, mostri con fierezza il tuo fisico e i risultati delle giornate in palestra. Sei un esteta, ma potresti essere anche solo un insicuro narcisista.
  7. Il festaiolo. Scatto rubato durante una festa esagerata, in cui stringi un bicchiere (probabilmente pieno di bevande alcoliche) in ogni mano. Credi di vivere appieno la vita e non prendi le cose troppo sul serio. Non ti interessa troppo di quello che pensa la gente di te… ma solo fino aquando il tuo datore di lavoro non vede la tua foto profilo.
  8. Il viaggiatore. Sei circondato da bambini di un povero villaggio dell’Africa, oppure sei immerso in un paesaggio mozzafiato con il tuo fido zaino in spalla. Buon per te! Sappiamo che sei una persona avventurosa. Sei stato in più posti della maggior parte delle persone e vuoi farlo vedere. Grazie, ottimo lavoro, siamo tutti molto invidiosi.
  9. Primo piano Emo. Foto presa dall’alto dove si vedono capelli neri, occhi truccati con un pesante eyeliner e sguardo lontano e cupo. Se ti fotografi così forse stai soffrendo a causa dell’adolescenza e ti senti in diritto di odiare il mondo. La cosa bella è che questo stato dovrebbe passare, in caso contrario c’è sempre un nuovo film sui vampiri a tenerti compagnia.
  10. Il campo lungo. Fotografato da molto lontano, praticamente immerso nel paesaggio. Forse sei una persona riservata, che ama stare per conto proprio. Magari sei anche timido e ti serve tempo per aprirti. Ok, stai sicuramente progettando qualcosa di diabolico per il futuro.

Queste sono le 10 tipologie più comuni di immagini usate nelle copertine di Facebook citate dall’infografica di My Life, ma io ne vorrei aggiungere altre due.

  1. Il personaggio di fantasia. Non usi una foto delle precedenti categorie, ma proprio quella di un personaggio inventato cercando di carpirne l’essenza. Passi dai personaggi di manga e catorni animati a quelli dei tuoi telefilm preferiti. Vuoi sembrare spiritoso e alternativo. Forse lo sei, ma occhio perché dai l’idea di essere molto insicuro di te.
  2. Il corporate-poser. Lo ammetto, è la mia attuale categoria. La tua foto deve darti un’aria deia e affidabile, ti ritrai come pensi dovrebbe farlo un professionista. Relax amico, relax…

Conosci altre categorie che si potrebbero inserire nell’elenco? Fammelo sapere con un commento qui sotto 😉

My Life Profile Pics Infographic

 

Nessun Commento

Lascia un Commento